Il Mimo DOC

Caratteristiche

Un rosato "storico", particolare, da uve nebbiolo ...unico, una soprendente rarità! Una stupenda maschera romana da mimo è stata ritrovata ai piedi della collina di Ghemme. E' un reperto assai raro e di notevole importanza per Ghemme, capitale viticola delle Colline Novaresi, perché nell'antichità il teatro era sacro a Bacco, dio del vino.
  • Produttore: ANTICHE CANTINE CANTALUPO

  • Regione: Piemonte

  • Annata: 2017

56,00 €
per confezione da 6 bottiglie
9,33 € a bottiglia
Vino dalla delicata intensità di colore, trae dal Nebbiolo piacevoli, accattivanti, giovanissimi profumi tra cui emergono il lampone, la fragola, il ribes. La sua freschezza genera piacevolezza al palato.
Annata 2017
Uve Nebbiolo
Vigneti di provenienza Nebbiolo (in zona denominata Spanna)
Tipologia del terreno Collina ghiaiosa morenica, ricca di minerali
Resa per ettaro 65 q/ha
Alcol 12,5% Vol.
Regione

280 - 310 metri sul livello del mare.

Dopo una sola notte di contatto bucce - mosto, avvenuta "l'alzata del cappello di vinaccia" il mosto fiore, dalla bella colorazione rosea, è stato separato dalle bucce. Si è poi dato inizio alla lenta fermentazione a temperatura controllata. Il vino è stato lasciato decantare a basse temperature per raggiungere una stabilità naturale. Il primo imbottigliamento è stato effettuato alla fine di febbraio.

Scrivi la tua recensione

La tua recensione: Il Mimo DOC

ANTICHE CANTINE CANTALUPO

Antichi Vigneti di Cantalupo si trova a Ghemme, nell'alto Piemonte, una zona vocata, da oltre due millenni, al vino di pregio. L'azienda, di proprietà della famiglia Arlunno, oggi copre una superficie complessiva di oltre 100 ettari, di cui 34 di vigneti articolati in differenti zone: Breclema, Carella, Livelli, Valera, Baraggiola, Rossini, Roccolo della Valle del tordo e Ronco di San Pietro, poste tra i 250 e i 310 metri sul livello del mare con esposizioni a Sud, Sud-Ovest. Le colline morenico alluvionali oggi coperte da vigneti si sono formate in tempi remoti con il ritiro del grande ghiacciaio del monte Rosa. Il terreno è ricco di ciottoli facilmente disgregabili così da rendere disponibile alle viti una grande quantità di minerali oltre a microelementi che contribuiscono a caratterizzare l'organolettica dei vini. La produzione di Antichi Vigneti di Cantalupo si esprime principalmente con il vitigno Nebbiolo (80 per cento dell'estensione vitata), chiamato localmente Spanna, l'uva spinea di Plinio.

Vai alla pagina del produttore

Dalla stessa cantina