PISONI TRENTO DOC

PISONI TRENTO DOC Dal 1852, nella Valle dei Laghi, subito a nord del Lago di Garda e ai piedi delle Dolomiti di Brenta, opera la famiglia Pisoni. Azienda agricola tra le principali produttrici vitivinicole in Trentino, vanta una lunga storia nell’arte dello spumante metodo classico. Nei primi anni Settanta, ai vini e alle grappe, si affianca la produzione di Trentodoc curato, oggi come allora, come prezioso tesoro di famiglia. Il microclima unico, le forti escursioni termiche nel periodo di maturazione delle uve e l’Ora, che soffia durante il giorno dal Lago di Garda, sono condizioni uniche che il territorio trasferisce al Trentodoc Pisoni rendendolo sapido, fresco e fine.

IL SISTEMA DI PRODUZIONE PISONI VINO BASE

Dalla raccolta manuale di uve Chardonnay e Pinot Nero, coltivate in parte in fondovalle e in parte su terrazzamenti in collina nella Valle dei Laghi, si ottiene il VINO BASE, al quale,nella primavera successiva alla vendemmia, viene aggiunto di zucchero, lievito ed imbottigliato (tirage). Il riposo in bottiglia e l’opera del lievito danno il via alla seconda fermentazione: è per questo che il TRENTODOC è chiamato anche “vino con rifermentazione in bottiglia”.

PRESA DI SPUMA La PRESA DI SPUMA è il processo attraverso cui si sviluppa l’anidride carbonica, che si evidenzia nel calice con il classico perlage. È frutto della rifermentazione e del riposo delle bottiglie che avviene nella fresca cantina scavata nella roccia. Si tratta di un tunnel ricavato da un vecchio rifugio antiaereo della seconda guerra mondiale, unico nel suo genere, in quanto garantisce una temperatura naturale e costante di 12°C durante l’intero anno. Il periodo di maturazione del PISONI TRENTODOC varia da un minimo di 24 mesi, mediamente 3 anni, a 80-90 mesi per la RISERVA PISONI, fondamentali per il raggiungimento di una complessità sensoriale importante.

REMUAGE È un’altra fase della spumantizzazione metodo classico. Le bottiglie di PISONI TRENTODOC vengono disposte su speciali cavalletti di legno, chiamati anche pupitres, che aiutano il corretto svolgimento del remuage quotidiano: le bottiglie vengono ruotate e scosse con molta cura per 22-24 giorni in modo che il lievito si raccolga nel collo, a ridosso del tappo provvisorio a corona. Per facilitare la graduale rotazione, ogni bottiglia viene segnata sul fondo con un tratto di vernice bianca che risulta visibile anche sul prodotto finito: un segno che distingue in modo unico ogni bottiglia di PISONI TRENTODOC.

SBOCCATURA Detta anche degorgement è l’operazione che permette di allontanare il deposito di lievito che, con il remuage, si è raccolto nel collo della bottiglia ed ottenere così un prodotto limpido. Ogni bottiglia, dopo il congelamento del collo che permette di bloccare il deposito di lievito, viene aperta determinando, grazie alla pressione interna sviluppatasi durante la rifermentazione, l’espulsione del deposito stesso. A questo punto, prima di essere richiuse con tappo di sughero e gabbietta di sicurezza, le bottiglie vengono rabboccate con vino di pregio e con poche gocce del prezioso e segreto liqueur d’expédition, la rifinitura della personalità di ogni PISONI TRENTODOC.

  • PISONI TRENTO DOC - 1
  • PISONI TRENTO DOC - 2
  • PISONI TRENTO DOC - 3
  • PISONI TRENTO DOC - 4
  • PISONI TRENTO DOC - 5



Non ci sono prodotti corrispondenti alla selezione.